Scala di San Giorgio

Scala di San Giorgio

Scala di San Giorgio


Lungo le pareti che delimitano ad est l’ampio tavolato calcareo-dolomitico del “Taccu di Osini” si apre la gola chiamata Scala di San Giorgio, dichiarato con Legge Regionale del 1989 Monumento Naturale della Sardegna. In gergo locale con “scala” s’intende un accesso ripido e accidentato attraverso un costone roccioso e nel caso specifico indica un valico naturale di collegamento tra due valli, quella del Rio Pardu a nord-est e del Flumineddu a sud-ovest. Questa angusta gola si situa ad un’altitudine di 870 – 928 m slm, offrendo scenari dalla bellezza spettacolare. Essa è delimitata da alte e incombenti pareti rocciose e, cosa del tutto particolare che la rende unica, è attraversata da uno stretto nastro d’asfalto proveniente da Osini, che ne permette una facile visita.

I commenti sono chiusi