Osini

Osini si trova tra le montagne dell’Ogliastra, piccolo paese al di fuori di ogni itinerario turistico ma che vale la pena di visitare. La strada è quella che conduce a Gairo, dopo aver percorso una buona metà della S.S. 125 (per chi viene da Cagliari) o costeggiato per un breve tratto il lago Alto Flumendosa (per chi giunge dal resto dell’Isola). Arrivando da sud, si prima Osini Nuovo, recente insediamento costruito dopo il 1951; qualche km più avanti si scorge il vecchio abitato di Osini, abbandonato tra il 1951 il 1960 in seguito ad una terribile alluvione.

Se ci si allontana dal paese si può raggiungere il complesso nuragico più rilevante e meglio conservato della zona che è quello di “Serbissi”, situato a breve distanza da una tomba neolitica, detta “de s’Orku”, che la tradizione orale reputava sepoltura di giganteschi esseri fantastici, a causa delle dimensioni della tomba stessa. Lungo la serie di pareti che delimitano ad oriente il vastissimo tavolato calcareo del “Taccu” si apre la “Scala di San Giorgio” gola molto angusta, delimitata da alte muraglie di natura calcarea e dolomitica.
Feste e sagre
24 aprile: Festa di S. Giorgio
Agosto: Madonna di Taccu
Agosto: Festa di S. Susanna

I commenti sono chiusi